Comportamento Oppositivo-Provocatorio

Infanzia e Adolescenza

Comportamento Oppositivo-Provocatorio

Il comportamento oppositivo-provocatorio è un disturbo del comportamento riscontrabile nel bambino, a partire generalmente dall’età di 6 anni, in concomitanza con l’ingresso a scuola. Questo disturbo si esplica nella continua opposizione rispetto a regole o divieti, in manifestazioni di rabbia e in comportamenti inappropriati, in atteggiamenti di sfida verso gli adulti, in comportamenti mirati ad irritare gli altri o accusarli per i propri errori, in comportamenti dispettosi e atteggiamenti vendicativi etc… 

Queste caratteristiche creano una elevata compromissione nei livelli di funzionamento personale, sociale e scolastico. Si manifesta anche con atteggiamenti disturbanti, diffidenti, ostili e provocatori che possono divenire distruttivi verso gli altri e/o i beni materiali, al fine di attirare l’attenzione, seppure in qualità di eroe negativo. Caratteristica specifica del disturbo oppositivo provocatorio è la convinzione che il proprio atteggiamento non sia oppositivo in se stesso, ma sia una risposta adeguata a situazioni intollerabili causate dagli altri. Alcuni aspetti che riguardano questo disturbo possono essere considerati del tutto normali, soprattutto nei primi anni di vita, quando il bambino sperimenta diverse modalità di interazione con l’ambiente circostante. I problemi insorgono nel momento in cui comportamenti ostili e provocatori, normali in alcune fasi di sviluppo, si cristallizzano e diventano modalità costanti nelle fasi di sviluppo successivo, fino a compromettere il normale inserimento sociale.

Disturbo oppositivo-provocatorio e tentate soluzioni

Tutti questi comportamenti creano un profondo senso di frustrazione e stanchezza, soprattutto negli insegnanti che si trovano a gestire faticosamente le attività proposte e continuamente interrotte dal bambino con il suo atteggiamento di sfida che coinvolge indirettamente anche i compagni.

Il disturbo esplode solitamente verso gli 8 anni e coinvolge in misura maggiore i maschi, prima della pubertà, e in eguale misura i due sessi durante l’adolescenza. Nell’adolescente l’atteggiamento di opposizione può assumere caratteristiche violente.

Sia nell’ambito scolastico, sia in quello domestico si osservano solitamente le seguenti tentate soluzioni messe in atto dagli adulti coinvolti, nel tentativo di risolvere il problema:

  • punizioni;
  • richieste esplicite e motivate con spiegazioni razionali;
  • richiami e rimproveri, con accuse sul comportamento trasgressivo;
  • minacce di proibizioni che non vengono sempre messe in atto;
  • richieste di adeguarsi alle regole e all’autorità;
  • lamentele e richiesta di aiuto all’esterno.

Tentate soluzioni che alimentano il problema

Comportamento Oppositivo-Provocatorio

Rigidità nelle posizione dell’adulto

Comportamento Oppositivo-Provocatorio

E’ evidente che quello che mantiene l’impasse nel cambiamento del disturbo oppositivo-provocatorio è proprio la rigidità nelle posizione dell’adulto che si contrappone a quella del bambino, per cui più l’adulto cerca di imporre delle regole, più il bambino aumenta i comportamenti trasgressivi. Se l’adulto cominciasse ad abbandonare il proprio schema di comportamento, anche il bambino sarebbe costretto a cambiare comportamento per mantenere stabilità all’interno della relazione.

    Comunicazione e relazione

    Modificare la modalità di relazione e comunicazione con il bambino è un passo importante.
    Ad esempio un insegnante potrebbe utilizzare la resistenza che il bambino presenta di fronte ad una richiesta, smettendo di insistere e chiedere sempre di più e cominciare a incoraggiarlo a rimanere in quella posizione perché “con il suo atteggiamento aiuta l’insegnante ad essere una buona insegnante” oppure comunicando “Vorrei che facessi questa attività come gli altri ma capisco che solo continuando ad opporti riesci ad essere un bambino ubbidiente“. Le strategie di intervento vanno calzate al comportamento specifico messo in atto dal bambino e alle tentate soluzioni adottate dagli adulti.

    L’introduzione di nuovi modelli comunicativi e relazionali da parte dell’adulto cambia prima di tutto il tipo di relazione conflittuale adulto-bambino e di conseguenza elimina “l’utilità” del disturbo da parte del bambino.
    Affrontare da soli il disturbo oppositivo-provocatorio non è semplice ma non è impossibile. Il consiglio è quello di rivolgersi ad un esperto che aiuti e guidi la famiglia e la scuola ad affrontare questo problema.

    Per approfondimenti:

    Problemi di comportamento a scuola Come intervenire

    Bullismo. Come aiutare le vittime?

    Contatti

    10 + 2 =

    Contatto Skype

    isabeldevincentiis

    Telefono

    +39 393.9863709

    Iscriviti alla Newsletter

    Iscriviti per ricevere una notifica alla pubblicazionedi un nuovo articolo

    rd more http://www.psicoterapiaromaeur.it/disturbi-trattati-psicologia-psicoterapia/Sottoscrivi alla nostra newsletter per ricevere una notifica alla pubblicazione di un nuovo articolo di Psicologia Psicoterapia.

    Read more http://www.psicoterapiaromaeur.it/disturbi-trattati-psicologia-psicoterapia/

    Grazie per l'iscrizione!

    Pin It on Pinterest

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi